Cerca
Close this search box.

Le rimanenze non sono “blindate”, il Fisco può rettificarne il valore

La “continuità di bilancio” prevede che diventino esistenze dell’esercizio successivo, ma in fase di accertamento possono essere ricalcolate.

SINTESI: In tema di determinazione del reddito d’impresa, trova applicazione il principio della cd. continuità di bilancio sancito dall’art. 92 del DPR n. 917 del 1986, con la conseguenza che le rimanenze finali di un esercizio costituiscono esistenze iniziali di quello successivo, fermo restando, peraltro, il potere dell’Amministrazione finanziaria, in sede di accertamento, di rideterminare il valore delle rimanenze medesime (cfr. Cass. n. 22932 del 2018).

Ordinanza n. 26484 del 13 settembre 2023 (udienza 23 giugno 2023)
Cassazione civile, sezione V – Pres. Fuochi T. Giuseppe
Reddito d’impresa – Si applica il principio della cd. continuità di bilancio ex l’art. 92 del Dpr n. 917 del 1986 – Le rimanenze finali di un esercizio costituiscono esistenze iniziali di quello successivo – L’Amministrazione finanziaria, in sede di accertamento, può rideterminare il valore delle rimanenze medesime

Fonte: Agenzia delle Entrate

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Ravvedimento speciale e modalità di versamento

“Quali sono le modalità di versamento delle somme dovute per il ravvedimento speciale dei periodi d’imposta 2022 e precedenti?”  risponde Paolo Calderone  Al ricorrere delle condizioni

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator