Cerca
Close this search box.

Sport bonus, pubblico l’elenco degli ammessi: invio delle quietanze entro il 13 settembre

Sport bonus 2023: pubblicato l’elenco delle imprese ammesse al beneficio nella prima finestra. Invio delle quietanze entro il 13 settembre.

Sport bonus 2023: pubblicato l’elenco delle imprese ammesse al beneficio nella prima finestra. Con avviso del 18 agosto scorso, il dipartimento per lo Sport ha reso noti i soggetti, identificati con il numero seriale, che possono effettuare liberalità in ambito sportivo agevolate dal punto di vista fiscale con lo sport bonus.

Misura e requisiti di ammissione

Si tratta del credito imposta, introdotto dalla legge di bilancio 2019, per le erogazioni liberali in denaro per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici, nonché la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche, (articolo 1, commi 621 – 627, della legge 145/2018). Una misura, questa, da principio prevista sia per persone fisiche e enti non commerciali, sia per soggetti titolari di reddito d’impresa, poi circoscritta solo a quest’ultima categoria per il 2023. In sostanza, spetta alle imprese beneficiarie un credito di imposta pari al 65% dell’erogazione liberale effettuata entro il limite del 10 per mille dei ricavi annui. Il credito di imposta riconosciuto è ripartito in 3 quote annuali di pari importo ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione, in base all’articolo 17 del Dlgs 241/1997, tramite modello F24 presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’agenzia delle Entrate in ciascuno degli esercizi finanziari 2023, 2024 e 2025, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.

Gli adempimenti entro il 13 settembre 2023

Tenuto conto dei termini di apertura della procedura – fissati al 30 maggio (prima finestra) e 15 ottobre (seconda finestra) prossimo dal Dpcm 30 aprile 2019, le imprese presenti nell’elenco pubblicato dal dipartimento, entro il 13 settembre prossimo, sono tenuti a:

• effettuare le erogazioni liberali mediante sistemi di pagamento tracciabili (bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, carte di credito e prepagate, assegni bancari e circolari);

• inviare la quietanza di pagamento, recante la causale «Sport bonus 2023 – 1^finestra – numero seriale assegnato», da cui risulti visibile il Cro o il Trn, all’indirizzo di posta elettronica a: servizioprimo.sport@governo.it, indicando nell’oggetto «Sport Bonus 2023 – 1^ finestra – (numero seriale assegnato)».

Va precisato che l’elenco pubblicato dal Dipartimento contenga l’elenco degli ammessi secondo il criterio temporale di ricevimento delle richieste e sino ad esaurimento delle risorse disponibili per questa prima finestra temporale (articolo 6, comma 3, del Dpcm 30 aprile 2019). Con la specifica che, entro il prossimo 30 settembre –una volta conclusa la procedura e alla luce degli eventuali ricalcoli – il Dipartimento si riserva la possibilità di riammettere alcuni dei soggetti esclusi. Resta ovviamente fermo che i soggetti esclusi in questa prima finestra potranno rinnovare la domanda di ammissione al beneficio una volta che si aprirà la seconda finestra dello sport bonus 2023, prevista per il 15 ottobre prossimo.

A livello operativo, una volta effettuate le liberalità entro il 13 settembre prossimo, spetta al dipartimento inoltrare all’agenzia delle Entrate l’elenco delle imprese che hanno effettuato le erogazioni secondo le modalità indicate, per il conseguente inserimento nel cassetto fiscale. Dopo la conferma dell’agenzia delle Entrate, il dipartimento pubblicherà l’elenco dei beneficiari del credito di imposta che, decorsi 5 giorni dalla pubblicazione, potranno utilizzare in compensazione la somma assegnata.

Fonte: Il Sole 24Ore

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Sì ai beni del debitore ceduti se non dispersi

La cessione di immobili dalla srl al rappresentante legale e a sua moglie non configura una sottrazione fraudolenta in ragione degli stretti rapporti tra le parti della compravendita

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator