Cerca
Close this search box.

Bonus gasolio, nasce la piattaforma: invio delle domande dall’11 settembre

Al via la piattaforma per il bonus gasolio, il contributo straordinario sotto forma di credito d’imposta istituito dal decreto Aiuti ter.

Al via la piattaforma per chiedere il bonus gasolio, il contributo straordinario sotto forma di credito d’imposta istituito dal decreto Aiuti ter (decreto-legge 144/2022 e successive modificazioni).

Il provvedimento, all’articolo 14 comma 1 lettera b), ha stanziato 300 milioni di euro da destinare alle imprese di trasporto di persone su strada, quale contributo straordinario, erogato come credito d’imposta sulla spesa sostenuta per acquisto di gasolio.

In attuazione del decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, firmato in data 4 agosto 2023 (in corso di registrazione presso gli organi di controllo), con la Gazzetta ufficiale di martedì 5 settembre è stato pubblicato un comunicato che dà il via alla presentazione delle istanze per l’ottenimento del contributo.

Le risorse sono ripartite in tre filoni.

In particolare 15 milioni andranno all’aiuto, sotto forma di credito d’imposta, rivolto alle imprese aventi sede legale o stabile organizzazione in Italia, iscritte al Registro elettronico nazionale (Ren) di cui all’articolo 16 del regolamento (Ce) del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009, che effettuano servizi di trasporto di persone su strada, resi ai sensi del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 285, ovvero sulla base di autorizzazioni rilasciate dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ai sensi del regolamento (Ce) n. 1073/2009, ovvero sulla base di autorizzazioni rilasciate dalle regioni e dagli enti locali ai sensi delle norme regionali di attuazione del decreto legislativo n. 422/1997, nonché dei servizi di trasporto di persone su strada resi ai sensi della legge 218/2003.

In questo caso il contributo verrà riconosciuto nella misura massima del 12% della spesa sostenuta – e comunque nel limite complessivo di spesa di 15 milioni di euro – per l’acquisto del gasolio impiegato in veicoli, di categoria euro V o superiore, al netto dell’imposta sul valore aggiunto. Il form online per la presentazione delle domande sarà disponibile sul sito https://www.adm.gov.it a partire dalle ore 15 del 14 settembre 2023 fino alle ore 23,59 del 4 ottobre 2023.

Altri 200 milioni andranno a favore delle e imprese aventi sede legale o stabile organizzazione in Italia esercenti le attività di trasporto indicate all’articolo 24-ter, comma 2, lettera a), numero 1) del testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al
decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504. Sempre nel limite complessivo di spesa di 200 milioni di euro, il bonus verrà riconosciuto sulle spese per l’acquisto del gasolio impiegato dai medesimi soggetti in veicoli di categoria euro V o superiore, di massa complessiva pari o
superiore a 7,5 tonnellate utilizzati per l’esercizio delle attività di trasporto.

Il form online in questo caso sarà disponibile dalle ore 15 del 18 settembre fino alle ore 23,59 del 6 ottobre 2023.

Infine altri 85 milioni andranno a favore delle imprese aventi sede legale o stabile organizzazione in Italia esercenti le attività di trasporto indicate all’articolo 24-ter, comma 2, lettera a), numero 2) del Dlgs 504/1995, nella misura massima del 28% della spesa sostenuta nel primo trimestre dell’anno 2022, e comunque nel limite complessivo di spesa stabilito, per l’acquisto del gasolio impiegato dai medesimi soggetti in veicoli, di categoria euro V o superiore, di massa complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate. In questo caso il form online per la presentazione delle domande sarà disponibile sul sito a partire dalle ore 15 dell’11 settembre fino alle ore 23,59 del 29 settembre 2023.

La spesa sostenuta per l’esercizio delle attività di trasporto, sempre al netto dell’imposta sul valore aggiunto, va comprovata mediante le relative fatture d’acquisto. La relativa documentazione per la presentazione delle domande è disponibile sul sito del ministero, dove è possibile consultare anche i due file (formato.csv) che dovranno essere utilizzati, a titolo di esempio, per l’inserimento dei dati relativi alle fatture di acquisto ed agli automezzi riforniti con il gasolio acquistato.

Fonte: Il Sole 24Ore

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Finti rimborsi fiscali: phishing di nuovo in azione

Nuova ondata di false comunicazioni a firma dell’Agenzia. L’intento è quello di attirare l’attenzione di ignare vittime, invogliandole a compilare un modulo web al fine di ottenere un presunto credito

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator