Cerca
Close this search box.

Circolare 24 Lavoro – Assunzioni agevolate 2023

assunzioni

La legge 29 dicembre 2022, n. 197 (legge di Bilancio 2023) ha rivisitato alcuni incentivi già conosciuti e ha ampliato per altri la misura.

La legge di bilancio si è preoccupata soprattutto di rafforzare l’avvio al lavoro dei giovani e delle donne e ha inserito uno sgravio, prima non previsto, rivolto ai datori di lavoro che assumono percettori di reddito di cittadinanza. Tali agevolazioni, già vigenti, restano in attesa dell’autorizzazione della Comunità Europea e delle istruzioni INPS per la loro applicazione.

La legge di Bilancio 2023 ha rinnovato per l’anno 2023 l’esonero del 100% dei contributi previdenziali, per un periodo massimo di 36 mesi, per l’assunzione a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, con riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata non abbiano compiuto il 36° anno di età.

Anche per il 2023, lo scopo del legislatore è quello di agevolare l’entrata nel mercato del lavoro alle donne, come già tentato in passato:

> esonero contributivo nella misura del 100% e nel limite massimo di importo pari a 8.000 euro annuo per l’assunzione di donne con almeno 50 anni di età disoccupate da oltre 12 mesi;

> donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, in possesso di determinati requisiti di residenza e di professione;

> donne di qualsiasi età, ovunque residenti e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi.

La vera novità del 2023 è l’esonero, della durata di un anno, dal versamento del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, destinato a chi assume, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, soggetti percettori di cittadinanza.

Fonte: Sole 24 ORE

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Sì ai beni del debitore ceduti se non dispersi

La cessione di immobili dalla srl al rappresentante legale e a sua moglie non configura una sottrazione fraudolenta in ragione degli stretti rapporti tra le parti della compravendita

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator