Cerca
Close this search box.

Dai Confidi finanziamenti fino a 100mila euro senza garanzie per il 20% e a tasso di interesse pari a zero

finanziamenti

Caratteristiche dei finanziamenti

Il finanziamento, ove stanziato dai Confidi minori, può essere concesso fino a 100mila euro e la quota parte del finanziamento non deve essere superiore all’80% dell’importo. Il credito erogabile a valere sulle risorse pubbliche per singola Pmi beneficiaria prevede un limite pari al 5% dell’ammontare delle risorse assegnate al Confidi e la quota residua, non inferiore al 20% dell’importo del finanziamento, deve essere concessa a valere su risorse proprie del consorzio, per le quali lo stesso non può servirsi di strumenti di mitigazione del rischio a valere su risorse pubbliche.

I Confidi possono applicare all’operazione finanziaria, per la sola quota concessa a valere su risorse proprie del consorzio, un tasso di interesse per la remunerazione del rischio assunto a proprio carico. E, sull’intero importo del finanziamento, una commissione a copertura dei costi amministrativi di istruttoria e gestione dell’operazione finanziaria, nel limite massimo dello 0,5 % dell’importo del finanziamento.

I finanziamenti agevolati non possono in nessun caso essere concessi a fronte di operazioni di consolidamento di passività finanziarie a breve termine o rinegoziazione di passività finanziarie a medio-lungo termine.

Attenzione al plafond de minimis

Le imprese devono avere disponibilità sul plafond “de minimis” per accedere ai finanziamenti e, per calcolare l’impatto dell’agevolazione, verrà usato il tasso di riferimento vigente alla data di concessione degli incentivi, determinato applicando al tasso di base una maggiorazione in termini di punti base, a seconda del rating delle Pmi beneficiarie, in conformità a quanto previsto.

L’erogazione del credito è subordinata alla verifica della regolarità contributiva della Pmi beneficiaria, tramite l’acquisizione del documento unico di regolarità contributiva. Il Confidi dovrà provvedere alla registrazione dei finanziamenti individuali alle Pmi nei registri aiuti, secondo le rispettive modalità di funzionamento.

Oneri dei Confidi minori

I Confidi «minori» che intendono concedere i finanziamenti agevolati devono presentare istanza di autorizzazione alle autorità competenti e possedere una serie di requisiti economico-patrimoniali e organizzativi. In particolare, devono avere un patrimonio netto, comprensivo dei fondi rischi indisponibili, non inferiore a tre milioni e un indicatore di adeguatezza patrimoniale, calcolato sulla base dei dati dell’ultimo bilancio approvato, non inferiore al 15 per cento.

Non solo: devono garantire l’adozione e la pubblicazione sul proprio sito web di un regolamento in materia di credito che descriva adeguati processi di concessione, gestione e monitoraggio del credito, provando specifiche competenze e responsabilità.

Fonte: Sole 24 ORE

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Finti rimborsi fiscali: phishing di nuovo in azione

Nuova ondata di false comunicazioni a firma dell’Agenzia. L’intento è quello di attirare l’attenzione di ignare vittime, invogliandole a compilare un modulo web al fine di ottenere un presunto credito

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator