Cerca
Close this search box.

Credito beni strumentali, doppio quadro RU con esercizio infrannuale

Per gli acquisti in beni strumentali effettuati nel 2021 spetta un credito d’imposta del 10%, mentre per quelli del 2022 il credito è del 6%.

La domanda

Una società di capitali con esercizio infrannuale dal 1° novembre 2021 al 31 ottobre 2022 ha acquistato nel mese di dicembre 2021 dei beni strumentali materiali nuovi per il quale spetterebbe il credito d’impostaprevisto dalla legge 178/2020 nella misura ordinaria del 10% fino al 31 dicembre 2021. Gli acquisti effettuati a partire da gennaio 2022 fino al 31 ottobre 2022, invece, sconterebbero l’aliquota del 6%.
Come va compiltao il quadro RU del modello Redditi SC 2022 periodo d’imposta 2021? Il software applica l’aliquota del 10% sull’indicazione del costo storico dei beni acquistati ma il credito spettante è in parte il 6% e in parte il 10%? È corretto indicare come anno di riferimento nell’F24 per entrambi i crediti (10% per acquisti dal 1° novembre 2021 fino al 31 dicembre 2021 e 6% per gli acquisti effettuati dal 1° gennaio 2022 al 31 ottobre 2022) come anno di riferimento il 2021, anche se alcuni beni sono stati acquistati nei mesi del 2022, visto che la dichiarazione in cui vanno inseriti in RU è quella relativa al periodo d’imposta 2021?
C. C. – Sondrio

Come indicato dal lettore per gli acquisti in beni strumentali nuovi effettuati nel 2021 spetta il credito d’imposta nella misura del 10% mentre per quelli del 2022 compete nella misura ridotta del 6%. Stante il periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare il lettore dovrà presentare il modello Redditi Sc 2022 nel quale indicare gli investimenti effettuati. In particolare si ritiene che si debbano utilizzare due diversi quadri RU ove esporre gli acquisti riportando gli acquisti agevolati al 10% e quelli al 6% nei singoli righi RU5. Nel rigo RU130 andrà esposto l’ammontare degli investimenti agevolati. Qualora il programma utilizzato dal lettore determini in automatico l’aliquota percentuale dovrebbe comunque essere possibile forzare il dato da esporre nel rigo RU5. L’anno di riferimento del modello F24 non muta essendo la società a cavallo d’anno e pertanto dovrà essere indicato il 2021.

Fonte: Il Sole 24Ore

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Novità Fiscali

Finti rimborsi fiscali: phishing di nuovo in azione

Nuova ondata di false comunicazioni a firma dell’Agenzia. L’intento è quello di attirare l’attenzione di ignare vittime, invogliandole a compilare un modulo web al fine di ottenere un presunto credito

Desideri maggiori informazioni su bandi, finanziamenti e incentivi per la tua attività?

Parla con un esperto LHEVO

business accelerator